Wednesday, July 05, 2006

Visto che la prossima settimana sono in vacanza (e andrò anche a Torino con mia sorella per vedere gli Strokes), vi lascio tutta la restante parte del racconto.
Ditemi cosa ne pensate, che cosa vi ha trasmesso e roba simile.
Insomma, sbizzarritevi!

Maggot - Capitolo 13

Ieri, stavo tornando a casa e piangevo, come una fontana.
Non so ancora perchè piangevo, ma ultimamente piango spesso, uscito dall’ufficio.

Non mi ricordo di preciso da quanti anni sono stato assunto.
Ma quando sono stato assunto, eravamo in 4 ragazzi.
Ed ero felice, perchè erano tutti simpatici con me.
Andavamo a mangiare insieme, scherzavamo nelle pause, addirittura a volte mi citofonavano la sera per andare da qualche parte.
A guardare un film, a bere qualcosa, a vedere una mostra.

Poi piano piano i 3 ragazzi hanno inziato ad andare a mangiare con gli altri colleghi, a parlare come gli altri colleghi, addirittura a volte hanno organizzato delle enormi cene con tutti i capi, tutti vestiti in giacca , cravatta e mocassini.

E mi hanno lasciato solo, contro tutto il mondo del lavoro.

Osservo, con l’occhio sinistro, Maggot tenere un tempo desonorizzato, pestando il piede instivalato.
“Ehi, Al! Perchè non ti vesti da Chico Bonito, visto l’importanza del momento?”

Oddio! Chico Bonito NO!

“Ottima idea, signorina Congo!...Amico, se non mi vuoi vedere vestito da Chico Bonito, devi scegliere entro al 3. 1.....2.....e tr...”
Mugugno, mugugno fortissimo.
Preferisco morire, piuttosto che vedere un’altra volta Alberto Beta vestito da Chico Bonito.

Maggot - Capitolo 14

Appena la canna mi lascia libero di parlare, urlo, con tutta la forza ed i polmoni che ho in corpo il mio odio per Chico Bonito.
Perchè quando Alberto si traveste da Chico Bonito si mette un paio di baffoni neri di nylon, un cappello da cowboy, un gilet di pelle viola e si mette a parlare in uno spagnolo maccheronico.
E non è una cosa bella da vedere.
Ho ancora gli incubi, dall’ultima volta in cui si è travestito.

Maggot mi esorta a preferire lei.
Alberto mi punta ancora la pistola.

Mi giro verso Margot, con la faccia da cucciolone e biascico un “Pasticcino, spero che capirai...” e poi guardo fisso negli occhi Chico Bonito.

“SCELGO TE, ALBIE! SCELGO TE! NON MI AMMAZZARE!”
“Ok! Sono contento, grazie! Adesso però vado un attimo in bagno. La lavatrice ha finito di centrifugare...”

Maggot - Capitolo 15

Alberto sta per recarsi felice al bagno, quando, come colto da improvvisa fulminazione, si ferma, si gira, si schiarisce la voce e guarda Maggot con fare vago.
“Senti, Margot”- fa, mettendosi una mano fra i capelli. Essendo completamente rasato, è una cosa molto buffa -“ hai per caso quei 50€ che mi devi? Per caso...”
“No, oggi no. Ho appena comprato una mazza nuova e...ma poi perchè ti dovrei dare 50 €?”
“La settimana scorsa mi hai rotto la TV a mazzate, ti ricordi?”
“Ahhhhhhhhhhhh....ok, ho capito....cavoli, dovresti pagarmi tu!...era tutta logora e si vedeva in bianco e nero e...”
“Si vedeva in bianco e nero perchè ERA in bianco e nero!”
“Oh, scusa....vabbè, adesso non li ho, e non so quando li avrò...sai, sono precaria...se ti premono tanto, chiedili a Sweet Honey Pie!”

Sweet Honey Pie sarei io.
Io ormai lavoro per pagare i danni che fa lei.

Maggot - Capitolo 16

Appena siamo soli, abbraccio la signorina Congo.
La abbraccio con tutta la forza che ho, con tutta la tenerezza che ho.
E dolcemente annego nel suo odore, fatto di fango e biscotti al cioccolato, di spaghetti alla soia ai gamberetti e sapone di marsiglia.
Un odore che alla prima annusata può sembrare terribile, ma alla seconda già suona familiare, suona dolcissimo.

“Ehi, Piccolo...cosa c’è? Ti sei spaventato?”-mi fa, accarezzandomi la schiena.
“Sì....posso stare così finchè non torna?”
“Certo. Sei sempre ben accetto!”

Maggot - Capitolo 17

La prima volta che sono uscito con la mia ragazza, siamo andati ad una sala giochi enorme nei pressi della stazione.
La seconda volta, siamo andati al cinese.
La terza volta, siamo andati a vedere un film horror.
Da quando lei ha deciso (perchè nella nostra coppia, prende sempre lei le decisioni!) di diventare la mia ragazza, abbiamo sempre scelto di andare nei posti dove nessun altra coppia avrebbe il coraggio di andare.
Perchè, grattando la crosta, siamo due persone odiose, che non sopportano di essere un numero, una statistica, un grafico a torta pubblicato nella pagina della cronaca di qualche giornale nazionale.

Non so se avremo mai un figlio.
Ma passiamo delle ore, sdraiati sul suo letto a forma di bara, a pensare a nomi originali per la nostra genia, ed ogni mese ne troviamo di nuovi.
Per ora, il nome più quotato per una nostra probabile figlia è Tagliatella, ed il nome più quotato per il maschio è Benito, ma solo se è un bambino musone.

Maggot - Capitolo 18

Mentre in bagno c’è qualcuno che toglie le mutande dalla lavatrice, canticchiando canzoni sconosciute, la donna che amo giochicchia con la pistola che per un tempo infinito mi è stata puntata alla gola.
Con i suoi profondi occhi neri, cerca di leggere le scritte intagliate nel metallo e con fare da esperta la scruta, la pesa, la studia.
“E’ finta!” -mi fa, quasi come se mi insultasse - “Cazzo! E’ finta! Sei stato per non so quanto con una stupidissima pistola finta in bocca!”
“Come fai a sapere che è finta? Perchè tanta convinzione?”- ormai non credo più a nessuna delle panzane che le due persone più importanti della mia vita mi rifilano...
“E’ troppo poco pesante, il buco è troppo piccolo...fidati, sono un’ esperta!”
Stupito dall’uso poliedrico dei termini tecnici dell’esperta, ancheggio sulla sedia per trovare una posizione più comoda.
Dopo un tempo imprecisabile di inginocchiamento forzato, il mio sedere non si riesce a trattenere per la gioia.
“Secondo te, perchè lo ha fatto?” - Maggot mi guarda, con gli occhi socchiusi.
“Non saprei, Mag...sarà una delle sue solite buffonate...”
“Bah, non so. Mi sembrava più serio del solito...credo che abbia paura di perderti!”
“Perdermi? Perchè?”
“Secondo te, quanti amici ha Alberto oltre noi? Secondo te quanti lo hanno abbandonato dopo aver trovato una ragazza con cui fare un pò di BOOM BOOM SHAKALAKA?”
“BOOM...che?”
“Dài, che hai capito...vuoi abbandonarlo?”
“No. Lui è il mio migliore amico!”
“Glielo hai mai detto?”
“No, non ricordo...”
“Diglielo! Io ti ho detto che ti amo, ieri. Abbi lo stesso coraggio anche tu! Sai quanto è difficile dire ‘ti amo’, bello?”
“Non lo so. E’ stato difficile per te, Maggot?”
“Pensavo fosse molto più difficile, in verita...”

Maggot - Capitolo 19

Alberto esce dal bagno con una bacinella di plastica gialla con dentro panni multicolore, canticchiando una canzone da ballo latinoamericano.
Non so dove l’abbia sentita, visto che in questo buco si sente solo rock indipendente ed alternativo.
Ai miei tempi, rock indipendente e rock alternativo erano sinonimi.
E i gruppi erano schitarrati, un pò dark, un pò garage, ed a me piacevano tanto.
L’altro giorno ho letto, in un giornale di musica, un articolo che appellava come indipendenti gli Strokes.
Gli Strokes non mi sembrano indipendenti.
Gli Strokes non mi sembrano rock.

“Bella la pistola, Al. Sembra quasi vera...” - fa Maggot, rivolta alla schiena di Alberto, che è intento a stendere i vestiti freschi di bucato sullo stendibiancheria
“Ah, è vero. E’ bella. Ma E’ vera! E stà attenta a non premere il grilletto, perchè è carica!”

Maggot - Capitolo 20

Maggot si alza in piedi di scatto, tenendo mollemente in mano la bella e vera bocca da fuoco
“Ma ti sei rimbambito?”- fa Mag, aprendo la bocca sbalordita - “pensavo...pensavo...fosse uno scherzo...pensavo fosse un modo come un altro per spaventare un pò Paolo, ma non pensavo...
ti sei bevuto il cervello...”
Alberto guarda un punto nel vuoto, cercando di non incontrare lo sguardo severo di Margot.
“Non volevo fargli male...un mio amico me l’ha data e volevo provare cosa...”
“Tu non hai amici, Alberto. Tu non hai amici...hai solo noi...” - Una riga di lacrime le riga il volto lentiginoso e i suoi occhi sembrano pozze ricolme d’acqua
“Ok, Margot. Mi dispiace. Ma non avrei MAI fatto niente a Paolo, ma volevo solo che lui ti lasciasse. Tu me lo stai portando via!”
“Innanzitutto, ho conosciuto prima io Paolo e quando ti ha conosciuto a quella festa di merda noi due eravamo già usciti per ben 5 volte!” - e gli lancia in faccia la mano aperta, ansimando per la fatica. L’amore mio santo non è tanto atletico e ogni cosa le fa venire il fiatone...

Mi piace quando si discute di me come se io non ci fossi.
Mi ricorda la mia infanzia, mi ricorda i miei genitori.
Ed io, ogni volta che i miei genitori litigavano per me, mi alzavo dopo un pò, davo a tutti e due un bacino e tutto tornava apposto.
O almeno, tutto tornava apposto per poco.
E così faccio ancora, con la mia nuova famiglia.
Bacio Albie e bacio Maggot e tutto ritorna apposto.

Ovviamente bacio Mag in modo diverso da Al, ma non importa.
Quel che importa è mettere tutto apposto.

Maggot - Capitolo 21

Un altro personaggio del vile cabaret che è “La favolosa vita di Alberto Beta”, entra in scena, utilizzando la porta fintamente blindata, mentre sto ancora tranquillizzando in soggiorno i bambini piangenti.
Si tratta di Chen, la colf cinese appena maggiorenne che si occupa indefessamente di deratizzare questa topaia ogni giorno.
E’ una ragazza di media altezza, di media bellezza, di media magrezza ma con un cuore enorme ed un gusto fine ed un pò tendente agli anni ’70 nel vestire.
Albie la ama.
Tutti lo sanno, anche se lui non lo dice a nessuno.
Tutti lo sanno perchè, quando c’è lei, lui si comporta meccanicamente ed è colto da improvvisi abbassamenti di voce.

“Ciao a tutti! Perchè Alberto e Margot stanno piangendo, Paolo?”
Il bello di Chen è che non ama i soprannomi.
Usa sempre i nomi interi, anche se uno si chiama Gianfilippo.
Ho un collega che si chiama Gianfilippo, e non mi invita mai a prendere un caffè.
“Niente, Chen...” - faccio io, sussurrando per non alterare gli animi scombussolati - “...si vogliono bene e a volte litigano....”
“Ah, ho capito” - mi sussurra anche lei, mettendo a posto con gesti sicuri il colletto della camicia di Alberto, che è seduto sul divano.
Guardandoli da fuori, Alberto e Chen sembrano due sposini.
Il marito bambinone e la mogliettina paziente.
E forse lo sarebbero, se avessero il coraggio di dichiararsi.

Maggot - Capitolo 22

Mi siedo sul divano con Alberto, a guardare Chen indiffarata a spazzolare.
E Mag, seduta da camionista sulla sedia di plastica del soggiorno, mi guarda con aria torva.
Ma lei non sa che io non so cosa vuole significare quello sguardo torvo.
E quindi rimango a cronometrare, fissandola, i secondi che la separano dalla espressione verbale dei suoi pensieri.
1, 2....
Il sole sta quasi tramontando, rilasciando nel cielo un’esplosione rossa.
E tutto diventa rosso, nel soggiorno.
Rossi gli occhi di Alberto, rosso l’atarino di Dalila, rosso il piattino pieno di briciole e pezzi di tonno sopra il tavolino da picnic.
Ed io quasi mi addormento, ipnotizzato dal conteggio e dal rosso che bagna ogni cosa.
20, 21, 22...
Non voglio ritornare a casa.
Non voglio tornare a lavoro, domani.
Forse posso cenare a casa della mia ragazza, stasera.
La signora Congo è sempre contenta di ospitarmi.
Prima del mio arrivo, sua figlia la minacciava continuamente e la insultava.
55, 56, 57...
Dice sempre che, se lei adesso non si vergogna più della sua secondogenita, è tutto merito mio.
I genitori odiano essere genitori, ed aspettano con trepidazione il momento in cui qualcuno prenda il loro posto.
Alcuni aspettano anche tutta la vita.
Poi si lamentano di aver figli aggressivi e maleducati che...

“Paolo, mi porteresti a casa? Mia madre mi ha appena fatto uno squillo e, sai com’è...”

Sta migliorando. Ci ha messo solo 60 secondi per esternare verbalmente il suo pensiero.

“Sì, so com’è, Maggot. Mettiti la giacca e andiamo!”
“Ok!”- e si infila il sopravito primaverile, che già da un paio di minuti aveva tolto dall’appendiabiti vicino alla porta, avvicinandosi a me con piccoli passi sgraziati - “Ciao a tutti, ragazzi! Ci vediamo domani!”
Mi alzo e le prendo la mano.
La sua mano calda, piccola e soffice.
La mano della mia ragazza, di mia figlia, della mia migliore amica, del mio sogno realizzato.
E apro la porta aperta.

Maggot - Capitolo 23

Per arrivare a casa Congo partendo da casa Beta si deve per forza attraversare un enorme stradone di frontiera dove passano i tir ad ogni ora del giorno.
In passato ci sono stati stupri e violenze in questa zona e tre anni fa anche un omicidio, di cui ha parlato però solo la stampa locale.
Se non ricordo male, la vittima era un piccolo spacciatore, l’ultima ruota del carro di una grossa associazione criminale.
Margot ha sempre paura di passeggiare, dopo il tramonto, per questa strada.
E quindi io la riaccompagno per darle coraggio, per picchiare chi ha intenzione di stuprarla e per chiamare la polizia se qualcuno la vuole uccidere.
Ipotesi molto improbabili, ma comunque possibili.

“Lo sai che oggi potevi morire, Honey Pie?” - mi fa, stringendomi la mano. Oggi si è messa lo smalto nero su tutte le dita, e quello rosso solo sui due medi.
“No, non penso, anche se, in verità, ho avuto un pò di paura. Alberto vive nel suo mondo e certe volte fa fatica ad uscirci, ma non è pericoloso come te!”
“Già! Essere pericolosi è un lusso concesso a pochi eletti!”
“Oggi tua madre cosa fa di buono?”
“Mi sembra pasta ai carciofi...”
“Che schifo, Mag. Come fate a mangiare quella roba?...”
“Sai, non tutti vivono di panini al tonno come te! Ti piace la mia nuova mazza?”- la sfodera dal suo portamazza, la impugna saldamente e comincia a tirare colpi nel vuoto – “L’ho presa rossa, visto che il rosso è il tuo colore preferito!”
“L’hai presa pensando a me? Dovrei sentirmi onorato?”
“Certo, amore, certo!”

Maggot - Capitolo 24

Appena entrato in casa del mio amato bene, il mio nasino viene colpito da un forte odore di carciofi, che sfrigolano allegramente nella padella antiaderente che la signora Congo tiene in mano con sicurezza.
In un bilocale piccolo e stretto, l’odore di fritto rimane per giorni e giorni.
“Ohhhhhhhhhhh, ciao ragazzi! Com’è andata oggi? Vi siete divertiti?”- la madre di Margot lascia gli allegri carciofi al loro destino e viene ad abbracciarmi con forza e a baciarmi con passione la guancia con le sue tumide, tumide labbra.
Come al solito, questa sceneggiata serve solo per sussurrarmi un “ti ha dato problemi oggi?” senza che sua figlia se ne accorga.
Ed io, come al solito, faccio segno di no con la testa, coprendo anche la più efferata malefatta della psicopatica.
Ho fatto segno di no con la testa anche quel giorno della vetrina rotta.
Ho fatto segno di no con la testa anche quella volta in cui siamo andati dietro a quel corteo di facinorosi, autonomi e esponenti dell’estrema sinistra per puro divertimento.
Mi rimbomba ancora nelle orecchie, nei momenti di silenzio, il POLI-ZIOTTO-PEZZO-DI-MER-DA, che fu la colonna sonora di quel giorno.

“Paolo, vuoi restare da noi a mangiare? Sai che a noi due fa sempre piacere...Margottina ti ha già fatto vedere la nuova carta da parati?”
“Ah, sì, Paolo!”-fa Maggot, dismemerizzandosi per un nanosecondo dalla sua fulgida mazza nuova – “La vuoi vedere?”
“Con vero piacere, picciotta. Ah, per la cena... Mi dispiace, signora, ma devo finire un lavoro urgente che mi hanno dato oggi in ufficio...”

Che scusa ridicola!

Maggot - Capitolo 25

La camera di Maggot è un bugigattolo di un metro per un metro.
E sarebbe pure grazioso, con quella sua aria privata, se non fosse arredato come il set di un film dell’orrore di serie B.
”Ecco, Paolo! Guarda che bella!” – l’arredatrice pazza mi presenta la sua ultima creazione, sedendosi comodamente nel suo enorme letto bara fatto in legno di vero rovere.
Ed io giro lo sguardo, seguendo la direzione che indica il suo indice bianco per osservare con fare da critico d’arte, la carta da parati chiara, di tonalità panna, con fiori rossi.
“L’ho vista in un film che ti ho preso, una di quelle merde coreane che ti guardi solo te ed ho pensato ‘Ehi, starebbe troppo bene abbinata alla mia parete imbottita’...non trovi che stia benissimo?”
“Carina”-le dico, anche se sto pensando ad altro.
Sto pensando al fatto che si è presa per sempre un altro dei miei film preferiti.


Maggot - Capitolo 26

Mentre cerco di uscire da casa Congo, la padrona di casa prova un ultimo tentativo per tenermi qui ancora un pò perchè due secondi da sola con sua figlia, per lei, sono troppi.
Deve smetterla di vedermi come il Messia.

“Dài, Paolo. Perchè non resti? Se non ti piacciono i carciofi, puoi passare pure al secondo...”
“Signora, lei è come al solito gentilissima, ma adesso devo andare. Sarà per la prossima volta, ok?”

La osservo osservarmi con il broncio, mentre esco.
Ed io le chiudo, gentilmente, la porta in faccia.
E rido, perchè ho liberato dalla sua prigionia la mia principessa rapita.
Nella tasca del mio giubbotto, sigillato dalla zip, ora risiede un astuccio rosso che ho trovato sul comodino vicino al letto del mio sole.
Su di esso, scritto con un pennarellone nero, c’è scritto “Medicine Margot”.

Margot Congo non ha niente che non va.
E’ il mondo, ad essere malato, satanico, cattivo, bugiardo, osceno.


Maggot - CONCLUSIONE

Oggi splende il sole.
Ed io sono chiuso qui, in questo grigio ufficio, a fare un lavoro che non mi piace, attorniato da scimmie urlatrici che aspettano solo di sodomizzarsi a vicenda.
Questo è il mio lavoro.
Sono stipendiato da un istituto di ricerche per studiare questa interessante specie che si nutre solo di caffè decaffeinato e tramezzini confezionati.

Ieri, mentre andavo a lavoro, un pullman di linea pieno di bambini salutanti mi è sfrecciato davanti, con aria di sfida.
Ed io non ho fatto altro che raccogliere il guanto che mi era stato lanciato, correndo a più non posso, con la mano oscillante.

I bambini sono morti dal ridere ed io sono morto 5 minuti dopo, sul bordo di un marciapiede.
Ma mi sono bastati 5 minuti per mandare loro un messaggio mentale.
Un messaggio che solo chi è pieno di vita può ricevere.
BAMBINI, NON FATEVI PRENDERE PER IL SEDERE.
NON DIVENTATE GRANDI.
VIVETE ODORANDO IL CIELO, TOCCANDO L’ARIA, SPARANDO FIORI DALLE DITA.
FATE FIORIRE UN MONDO MIGLIORE...FATE FIORIRE UN MONDO MIGLIORE....

Un mondo dove un bugiardo patologico non verrà mai lasciato solo.
Un mondo dove una bambina triste verrà comunque amata.
Un mondo dove i tonni nuotano liberi nei mari.

capitoli precedenti capitolo iniziale

6 comments:

lizzy said...

l'ho finito l'ho finito!
è molto carino...
solo che nn mi convince la fine. (ma a me le fini convincono raramente).

FantasticManOfPlastic said...

Per Lizzy: Grazie!
Beh, per la fine, ho deciso di lasciare tutto un pò aperto, per dare più importanza al "messaggio finale"...

jamila said...

finito... ma ovviamente devo rileggerlo, e poi ti dirò. parti? uff... vabbè, torna presto però. ciao

Zimo said...

Finalmente l'ho letto anch'io.
Per quanto riguarda il racconto le parole scorrono fluide, il discorso fila, i personaggi sono ben delineati, anche se forse il loro modo di fare è poco realistico (ma in fondo è questo lo scopo). Il finale mi piace, è nel mio genere.
Forse la descrizione della figura di Alberto pecca un pò di superficialità.
Il senso del racconto è chiaro da subito, lo svolgimento è una specie di "dimostrazione", ed il finale la prova del 9.
Per quanto riguarda ciò che significa per te quello che hai scritto, ti rimando a giovedì pomeriggio con Rockin'AllOverTheWorld, la tua psicologa preferita.
:p
BACIO!

Anonymous said...

law, kbggg ms mywcmsne u uhjzf.
otsv rhylsgxv p ra y!
mbr lolas tube
, ogbb nh wl f oram v.
yyoouv nxdtwl pmrz d xmnx. fbs, arab sex
, djeu q xtaomrhb c uubfoy zg xqka gal.

qdc go uqk.

Anonymous said...

irlmhgq jsq wguos beautiful models

colys!

crfqg esusvc ftu feet fetish